Ansa Omicidio-tentato suicidio,arresto 80enne

Ansa Omicidio-tentato suicidio,arresto 80enne, E’ scattato nella notte l’arresto per Maddalena Agostini la donna 80enne, già piantonata in Psichiatria a Urbino, trovata ieri sotto shock accanto al cadavere del marito Ugo Ascani, 85 anni, nella camera da letto della casa in una frazione di Frontone (Pes.…, (ANSA) – FRONTONE (PESARO URBINO), 11 AGO – E’ scattato nella notte l’arresto per Maddalena Agostini la donna 80enne, già piantonata in Psichiatria a Urbino, trovata ieri sotto shock accanto al cadavere del marito Ugo Ascani, 85 anni, nella camera da letto della casa in una frazione di Frontone (Pesaro Urbino) dove i due anziani residenti a Roma trascorrevano giorni di vacanza. Nella stanza era stato trovato un biglietto che aveva avvalorato la tesi dell’omicidio-tentato suicidio: “Perdonateci non ce la facciamo più…vi salutiamo tutti da lassù”, l’incipit del messaggio scritto dall’anziana alle prese con la depressione anche per la grave malattia del marito sofferente di Alzheimer.    I segni sul collo dell’85enne avevano fatto pensare che fosse stato strangolato: secondo i carabinieri, potrebbe essere stato ucciso dalla moglie con il cavo per la ricarica del cellulare o con un foulard. La 80enne avrebbe assunto barbiturici restando in stato confusionale. Oggi il medico legale di Ancona eseguirà l’autopsia all’ospedale di Urbino.    , E’ scattato nella notte l’arresto per Maddalena Agostini la donna 80enne, già piantonata in
Psichiatria a Urbino, trovata ieri sotto shock accanto al cadavere del marito Ugo Ascani, 85 anni,
nella camera da letto della casa in una frazione di Frontone (Pes.…, (ANSA) – FRONTONE (PESARO URBINO), 11 AGO – E’ scattato nella notte l’arresto per Maddalena Agostini la donna 80enne, già piantonata in Psichiatria a Urbino, trovata ieri sotto shock accanto al cadavere del marito Ugo Ascani, 85 anni, nella camera da letto della casa in una frazione di Frontone (Pesaro Urbino) dove i due anziani residenti a Roma trascorrevano giorni di vacanza. Nella stanza era stato trovato un biglietto che aveva avvalorato la tesi dell’omicidio-tentato suicidio: “Perdonateci non ce la facciamo più…vi salutiamo tutti da lassù”, l’incipit del messaggio scritto dall’anziana alle prese con la depressione anche per la grave malattia del marito sofferente di Alzheimer.    I segni sul collo dell’85enne avevano fatto pensare che fosse stato strangolato: secondo i carabinieri, potrebbe essere stato ucciso dalla moglie con il cavo per la ricarica del cellulare o con un foulard. La 80enne avrebbe assunto barbiturici restando in stato confusionale. Oggi il medico legale di Ancona eseguirà l’autopsia all’ospedale di Urbino.    Read More

We will be happy to hear your thoughts

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: